Torna alla Home Page

 News

Google ama Celtics.it
Titoli vinti
Maglie ritirate
Forum di Celtics.it Contattaci

News sui Boston Celtics in particolare e sull'NBA in generale

In questa sezione troverete diverse news che parlano di NBA ed in particolare di Boston Celtics. Le news sono divise in categorie in modo da permettere una rapida classificazione della notizia. A fianco della descrizione delle categorie in Legenda e Stats trovate il numero di post presenti nella specifica categoria. Cliccando sull'icona della categoria sia in Legenda e Stats che nel post filtrerete le categorie per l'argomento prescelto.


Legenda e Stats


Tutte
le news

Tot. 1764

Estensioni in corso

I Celtics hanno esercitato le opzioni per Rob Williams, Grant Williams e Romeo Langford.

Rob Williams ha dato segnali importanti in questa fase della stagione, lo staff crede nel progetto anche contro quello che in molti sostengono, cioè che il ragazzo non abbia le capacità di crescita richieste. Capacità che invece ha messo in mostra a più riprese in questa stagione, dove ha brillato in svariate occasioni. Anche ieri nella seconda sfida in Indiana, nonostante il minutaggio non elevato, è stato parte importante della fase ascendente del nostro rendimento complessivo.

Discorso diverso per Grant Williams, gioctore che dimostra di essere affidabile e, ancorché sotto dimensionato, in grado di dare importanti e continue dosi di QI cestistico. In difesa è un professore, dote che Stevens gli ha riconosciuto da subito, è in cerca di un affidabile tiro da 3, il 37.3% odierno è incoraggiante.

Romeo o perché sei tu Romeo, è un investimento dei Celtics sulla fidicua. Tutti hanno grosse aspettative su di lui, continuano le dichiarazioni ottimistiche sul ragazzo, ma a questo punto deve rimanere in salute e riuscire a mostrare quanto di buono ci sia in lui.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 30.12.2020


Addio K.C.

Purtroppo un altro pezzo della nostra leggenda ci ha lasciato e noi vogliamo ricordarlo con le parole di un nostro utente postate sul forum, grazie del contributo MarcUs.

... ho iniziato a guardare (e amare, simultaneamente) i Celtics da ragazzino, con quella squadra di fenomeni che eravamo noi Celtics negli anni ottanta: Bird, McHale, Parish, Dennis Johnson, Ainge ...
E il mio coach era K.C. Jones.
Con quella sua faccia imperturbabile, da nero che piace a tutti, levigata come quella di Sidney Poitier.
Neanche lo sapevo che era stato un formidabile protagonista dell'epopea dei Celtics anni 60 con Russell e Cousy. Non lo sapevo ancora.
Neanche immaginavo cosa fosse stato a livello universitario.
K.C.Jones era un mito. E' un mito.
Ho dovuto leggere Second Wind di Bill Russell per sapere che era il suo compagno di stanza, silenzioso.
Il tipo di persona che non parla mai. Indicava tutto con un cenno. Questo o quello.
Era stato scelto da Red Auerbach al secondo giro, ma aveva preferito un viaggio nell'esercito prima di tentare l'avventura NBA. Non si sentiva pronto.
Era stato scelto anche dai Los Angeles Rams ma un infortunio ad una gamba gli avrebbe subito sconsigliato la carriera nella NFL.
Era un'atleta formidabile.
Un difensore arcigno, grintoso, atletico, inarrestabile.
Non aveva bisogno di parlare. Era un giocatore concentrato, fisso sull'obiettivo.
Taciturno ma concentrato.
Se la squadra opponente avesse avuto un esterno pericoloso lui lo avrebbe annullato.
Per tutto il tempo trascorso sul campo.
Quei Celtics di fine anni 50 iniziavano un basket di difesa senza tregua e contropiedi fulminanti dentro cui K.C. Jones calzava a pennello. Era una guardia e davanti aveva Cousy e Sharman, due extraterrestri dell'attacco. E non solo.
Lui silenzioso li osserva e si guadagna anno per anno più spazio, già nel 59 nel suo anno da sophomore si fa sentire (in campo col gioco, perchè fuori a parole, come scrive Russell, niente... non parla).
Vince 8 titoli. Da protagonista. Senza parlare.
Poi torna come vice di Bill Fitch e dal 1983 diventa Head Coach, con Larry Bird in campo e Red Auerbach in tribuna vince due fantastici titoli (1984 e 1986). Nessuno lo ha mai visto urlare.
Ma nel frattempo ha imparato a comunicare parlando.
Spiega le cose pacatamente.
Con calma. Dettagliatamente.
Larry Bird ha dichiarato:
"He is the kind of person I would like to be, but I don't have the time to work on this."
ovvero "è il tipo di persona che avrei voluto essere ma non ho avuto tempo di lavorare su questo".

VIVA K.C.JONES




Torna a inizio pagina
Pubblicata da Deep il 26.12.2020


[Diretta] A sorpresa ci palesiamo

Ma quindi? -> ...

Dove? -> youtu.be/nUOg2d29lrQ

Quando? -> 21:15

Perché? ...




Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 23.12.2020


Piccoli aggiustamenti regolamentari

Stevens può presentarsi alla partite in polo. E sì, questa è la notizia, la NBA quest'anno così come la bolla di Orlando non ritiene più necessario che i coach NBA debbano indossare giacca e camicia a bordo campo durante le partite. Però è fatto obbligo per tutti dello staff, indossare la mascherina per tutta la durata della partita e non toglierla mai o il meno possibile.

Sul fonte dei roster come sappiamo i 2way (Tacko Fall e Tremont Waters) potranno essere utilizzati di più rispetto a prima pandemia. Ricordiamo che prima delle nuove direttive i ragazzi potevano essere impiegati per 45 giorni in totale per partite ed allenamenti, mentre ora possoro essere impegnati in allenamenti liberamente e al massimo in 50 partite in stagione. Stevens, anche per il rifiuto dei Red Claws alla bolla di Atlanta, si abituerà ad avere i ragazzi sempre a disposizione.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da Deep il 10.12.2020


Prima parte del calendario

Esce la prima parte del calendario NBA e c'è subito una particolarità. Per evitare qualche spostamento, sia in casa che fuori, ci saranno due sfide contro la stessa squadra consecutivamente nella stessa città. Ad esempio il 28 e 30 dicembre ci fermeremo a Indianapolis per la doppia sfida contro i Pacers.

Il giorno di Natale sfideremo i Nets in casa in quello che si preannuncia come il ritorno di Irving a Boston, purtroppo senza pubblico e sarebbe stato bello sentire l'accoglienza riservata al nostro ex numero 11. La parte più dura del calendario è quella che va a cavallo della fine di gennaio ed inizio febbraio, con un ciclo terribile di trasferte. Curioso il rientro a casa, nel mezzo di questo giro, per affrontare il 30 gennaio i Lakers in casa.

ATTENZIONE: C'è una novità nel nostro calendario. Abbiamo messo le date italiane delle partite, quindi non quelle americane, non confondetevi.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da Deep il 05.12.2020


Walker in campo non prima di gennaio

Con l'inizio della stagione NBA alle porte, si comincia il 22 dicembre, arriva una brutta notizia sul fronte roster. Kamba Walker infatti si è dovuto sottoporre a un'iniezione di cellule staminali per curare il suo tormentato ginocchio, che non lo lascia in pace da mesi e ne ha limitato il rendimento anche negli scorsi playoff, come comunicato da Ainge al termine della stagione.

Questo prolungherà il suo periodo di riposo fino alla prima settimana di gennaio ed il suo rinetro in campo non è quindi previsto prima. Una grossa sfortuna pensando al fatto che nella sua precedente esperienza agli Hornets non avesse mai palesato problemi di grossa entità, mentre da quando è ai Celtics ha saltato in una sola stagione più partite rispetto alle otto precenti a Charlotte messe insieme.

Non possiamo che augurarci che tutto si sistemi per il meglio.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 01.12.2020


Firme ufficiali ai Celtics, non solo giocatori

Dopo quanche giorno dall'annuncio, arrivano le firme ufficiali di Tristan Thompson e Jeff Teague. Per l'ex Cavaliers arriva un biennale da 9.258.00 dollari l'anno (Non-Taxpayer Mid-Level Exception), mentre per Jeff Teague un contratto annuale del quale non si hanno i precisi dettagli economici.

Intanto un po' a sorpresa arriva la firma di Evan Turner, ma non come giocatore come ci si poteva attendere visti i soli trentadue anni del ragazzo, ma come assistant coach. Il suo compito primario sarà quello dello sviluppo dei giocatori. Già in forza ai Celtics sotto coach Stevens dal 2014 al 2016, Evan va a ricoprire quel ruolo che a dire la verità mancava nel nostro coaching staff. Quell'allenatore che i giocatori vedessero come loro pari col quale instaruare un rapporto, se non di amicizia, di complicità. Sembrano cose di poco conto, ma sono vitali nella chimica di uno spogliatoio, ed il fatto che la dirigenza sentisse il bisogno di questa figura, la dice lunga sulla questione.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 01.12.2020


TPE per i Celtics

Ormai anche i sassi sanno che Gordon Hayward ha scelto di lasciare i Celtics rinunciando all'ultimo anno di contratto e non esercitando la sua Player Option. Gordon ed il suo agente, una volta usciti dal contratto, hanno valutato le varie opzioni di mercato accasandosi con gli Charlotte Hornets con un contratto da 4x120M.

Fin qui sapevamo già tutto, ma quello che poi nei giorni si è andato delineando è che gli Hornets hanno avuto bisogno di coinvolgere i Celtics in una sign-n-trade per far quadrare i conti. Da tutto questo alla fine i Celtics hanno maturato una TPE da 28.5 milioni di dollari, oltretutto segnado il nuovo record nella NBA.

Questa TPE può essere usata entro un anno solare e permetterà ai Celtics di pareggiare uguali (o inferiori) importi salariali in eventuali trade.

Insieme a Gordon anche due seconde scelte vanno a Charlotte.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 01.12.2020


Kyle Draper lascia la CNBC Boston
Kyle Draper lascia la CNBC Boston e diventa il nuovo commentatore play-by-play per i Sacramento Kings. Da 11 anni era al seguito dei Celtics, ricoprendo vari ruoli come nei vari studi pre-game e post-game, da bordocampista, oltre ad essere di fatto il vice Mike Gorman.

Dopo l'addio in estate in Abby per via della riorganizzazione a causa del Coronavirus e quello dolorosissimo qualche settimana fa a Tommy, ora un'altra pedina lascia il team di commentatori e giornalisti intorno ai nostri Celtics.

In bocca al lupo Kyle.



Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 01.12.2020


Piccola preseason

Rilasciato il mini calendario della preason, davvero mini:
Dec.15 at Philadelphia (01:00 italiane del 16)
Dec.18 vs. Brooklyn (01:30 italiane del 19)
Basta così, tutto qui, finito il calendario.

I temi che ci interessano su tutti? Beh sono diversi, ma non tutti affrontabili nelle prime uscite. Ad esempio sappiamo che con ogni probabilità Walker sarà tenuto a riposo e senza più Hayward, si aprono interessanti scenari:
- Teague subito titolare con Smart da SG o Smart da PG e rotazioni inedite, tipo... Waters?
- Chi sarà il centro titolare, Theis o Thompson? Tutto ci farebbe pensare il tedesco, maaaa....
- Nesmith ha recuperato dall'infortunio, potrà essere schierato normalmente o con minutaggio ridotto?
- In generale, quali sono le gerarchie dietro Tatum, Brown e Smart aspettando Walker?

Non ci resta che aspettare l'inizio di questa interesssante stagione.




Torna a inizio pagina
Pubblicata da DeeP il 28.11.2020




Vai alla pagina Inizio -1 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 +1 Fine
Celtics.it
Home Page  |  News  |  Calendario  |  Statistiche  |  Approfondimenti  |  Dentro i Celtics  |  MyRoster  |  Info  |  Utility  |  Privacy policy  |  Cookie  |  Forum